Testimone della verità

Testimone della verità Originally posted on piovonomiracoli Bisogna essere delle persone particolarmente preparate per dare testimonianza alla verità? E’ proprio necessario aver fatto chissà quali studi per testimoniare la verità? Per testimoniare la verità occorre vivere la nostra vita da risorti: ma che vuol dire? E chi vive o ha vissuto la sua vita da risorto? […]

Ecco perché dovevo esserci

Originally posted on lefoglieverdi 30 gennaio 2016. Oggi è giornata di Family Day, ancora una volta, dopo il 12 maggio 2007 e dopo il 20 giugno 2015 torno in piazza, io che non amo per niente le folle, tanto che pure a piazza San Pietro dal Papa vado mal volentieri. Sono di Roma e a […]

I miei occhi hanno visto la tua salvezza

Originally posted on piovonomiracoli Martedì scorso, 2 febbraio, giorno in cui la Chiesa fa memoria della Presentazione al tempio di Gesù, io e Anna abbiamo festeggiato il nostro anniversario di matrimonio numero 14. Per chi come noi ama i numeri, 14, doppio di sette, non poteva che avere un significato speciale: la pienezza moltiplicata per due. La […]

Perché continui a sbattere contro quel muro?

Originally posted on costanzamiriano.com Cari amici, cara Silvana(*) e Annamaria(*), cari Alessio(*) e Rufina(*), oggi vorrei fare qualcosa di insolito, qualcosa, forse, di sconveniente. Vedete, si parla tanto di questi tempi di morale, di filosofia, di giurisprudenza, di ideologie, insomma di massimi sistemi; si fanno tanti giri di parole, ci si confronta ma si cerca […]

Storia di un miracolo (prima parte)

Originally posted on piovonomiracoli Due domeniche fa, quando abbiamo celebrato la memoria del Battesimo di Gesù, durante la messa il buon Don Stefano, come si usa in quella celebrazione, dopo l’introduzione ha asperso tutta l’assemblea con l’acqua benedetta, in ricordo del nostro battesimo. Francesco, come sempre, era sul tappeto ai piedi dell’ambone insieme agli altri […]

Stacce!

Originally posted on piovonomiracoli Quando eravamo ragazzi succedeva spesso che nel gioco fossimo sconfitti, nelle gare sportive arrivassimo secondi o peggio, che perdessimo una scommessa. In quei casi, almeno qui a Roma, poteva succedere che chi vinceva o chi arrivava primo, con tono talvolta sprezzante, si rivolgesse a noi dicendoci…”Stacce!”, e la cosa non mancava di scatenare […]